Raccolta e conservazione del Green Pass in azienda: le novità del DL n. 127/2021 post conversione

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la legge n. 165/2021 di conversione del DL n. 127/2021, recante l’obbligo di possesso della certificazione verde COVID-19, c.d. green pass, per l’accesso ai luoghi di lavoro.

La legge ha confermato l’impianto del sistema introdotto dal DL n. 127, apportandovi alcune puntuali modifiche volte a semplificarne e chiarirne l’operatività.

In particolare, recependo le proposte di Confindustria, è stata introdotta la possibilità dei lavoratori (su base volontaria) di richiedere di consegnare al datore di lavoro la copia del proprio green pass, in modo da essere esonerati dai controlli, per tutta la durata della validità della relativa certificazione.

Per effetto di tale previsione, quindi, il datore di lavoro viene legittimato a ricevere la certificazione verde dei propri lavoratori, a conservarla, nonché ad accedere e a utilizzare la relativa data di scadenza al fine di esonerarli dai controlli.

Per tutte le informazioni  contatta il Servizio Privacy

Articoli correlati

    Legal
    20 Luglio 2021
    Attacchi informatici alle aziende in aumento: informazione e formazione contro gli attacchi dei pirati del web
    Legal
    30 Aprile 2021
    Attenzione ai sistemi di rilevazione delle presenze basati sui dati biometrici dei dipendenti. Se manca la base normativa si rischia la sanzione
    Legal
    21 Maggio 2021
    VACCINAZIONI NEI LUOGHI DI LAVORO E RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE: protezione dei dati e indicazioni generali sul trattamento. Le indicazioni del Garante Privacy: Provvedimento del 13 maggio 2021
    Legal
    16 Giugno 2023
    La disciplina del cd. whistleblowing garantisce un elevato livello di protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione
    Legal
    21 Giugno 2021
    IL RUOLO DEL DPO (Data Protection Officer) O RPD (Responsabile per la Protezione dei Dati personali): quando è obbligatoria la nomina?
    Legal
    06 Maggio 2022
    Vietato l’utilizzo dei DARK PATTERN nelle piattaforme web: le nuove linee guida EDPB