Digital Marketing in Russia. 5 step per posizionarsi sul mercato

La Federazione Russa con la sua popolazione di 145,6 mln e 18 mln di utenti attivi giornalmente online è considerata una macro-area nel mondo del web.

Indipendentemente dal settore, per poter vendere il proprio prodotto in Russia è necessaria la presenza online sul mercato.

STEP 1 – Analisi del mercato

Il primo step per posizionarsi sul mercato russo inizia da un’analisi approfondita. La Russia ha un territorio che si estende per 11 mila km con 95 regioni e 9 diversi fusi orari. Esistono particolarità geografiche e demografiche importanti da conoscere per posizionare correttamente il proprio prodotto.

Ad esempio differenze culturali e religiose tra le regioni: nella Russia centrale l’atteggiamento dell’utente online cambia significativamente rispetto a un utente della Yakutia.

Aspetti da considerare durante l’analisi del mercato

  • Struttura geografica e demografica
  • Presenza del brand sul mercato
  • Competitors

Uno dei migliori strumenti per fare ricerca e scoprire le preferenze dell’utente russo è Yandex. Utilizzando il servizio Yandex Stat si ha la possibilità di analizzare l’interesse verso il proprio settore, suddiviso per aree geografiche e calcolare i trend del mercato per i prossimi mesi. Invece tramite il tool Yandex Survey è possibile creare sondaggi ed effettuare un’analisi comportamentale dell’utente.

 

STEP 2 – Posizionamento e adattamento del sito su RuNET (cosiddetto internet russo)

Per essere ben posizionati con il proprio sito in Russia dobbiamo valutare una serie di fattori:

  • ottimizzazione del sito, non solo per Google, ma anche per Yandex (motore di ricerca russo con 41,54% utenti)
  • dominio autorevole preferibilmente .ru, . рф con hosting in Russia (localization law)
  • content testuale di qualità in lingua
  • utilizzo di informazioni e grafiche che corrispondono al target dell’utente russo/potenziale cliente

 

STEP 3 – SMM in Russia

Una volta che si è ben posizionati sui motori di ricerca con il proprio sito in russo, è molto importante consolidare la presenza anche sulle piattaforme più utilizzate in Russia. Al primo posto troviamo VK con 97 milioni di utenti attivi al mese, poi Odnoklassniki (45mln.) e poi i più noti Facebook e Instagram. Durante la pandemia una grande fetta del mercato è stata presa anche da YouTube.

Quali piattaforme scegliere?

VK è una delle piattaforme social più utilizzata dai giovani, dove i content sono post divertenti, short reels e giochi. Generalmente questa piattaforma funziona molto bene per la gestione del customer care.

Il target di Facebook e Instagram è più adatto per la vendita e la promozione di prodotti più costosi e per la ricerca contatti B2B. I gruppi di Facebook , ad esempio, sono spesso utilizzati di architetti e designer russi per la ricerca di aziende che producono mobili Made in Italy. In questo caso, il produttore può sfruttare questa piattaforma non solo per la brand awareness, ma anche per la ricerca dei buyers.

Per le aziende che hanno già un portafoglio clienti attivo, si consiglia di utilizzare anche Telegram per l’invio delle newsletter direttamente sul gruppo oppure sul canale ufficiale.

 

STEP 4 Digital PR in Russia.

Collaborare con gli influencers è uno dei modi più efficaci per promuovere un prodotto online in Russia. Si tratta di lavorare con blogger famose, celebrità ed altri esperti per creare campagne e promozioni congiunte per i propri servizi o prodotti. In Russia ci possono essere collaborazioni tra instagrammer, youtuber, viner (creatori fun videos) , gamer, celebs e interviewer (trend popolare su YouTube per via della censura).

Per una campagna influencer di successo:

  • Prendete in considerazione blogger con un pubblico ristretto: questi account hanno un impegno molto più elevato rispetto agli account con milioni di persone.
  • Quando si valuta l’account di un influencer, non ci si concentra sul numero di “mi piace”, ma sulla qualità dei commenti, ciò significa che l’account è vivo e il pubblico è attivo.
  • Abbandonate i rigidi format e modelli per i blogger. Le persone prediligono la sincerità e l’esperienza personale e non foto simili e frasi fatte. Utilizzate anche i contenuti video: vi permetteranno di andare oltre il testo e le foto.
  • Se la vostra esperienza con un blogger ha dato un buon risultato, considerate la possibilità di ripetere l’azione. La collaborazione a lungo termine è la chiave per far sì che il pubblico del leader si fidi del vostro marchio.

 

STEP 5 Gestione customer care.

L’utente russo è molto esigente, soprattutto quando si parla della vendita cross border.

Se abbiamo ottenuto successo nei 4 punti precedenti e abbiamo conquistato clienti russi, nel 48% dei casi (fonte GFK) la vendita viene bruciata per via di assenza di un customer care adeguato. I punti chiave sono i seguenti:

  • customer care semplice e dinamico (integrazione Telegram chat bot)
  • attivo 24 ore
  • assistenza in lingua

 

Per scoprire come approcciare in maniera corretta il mercato russo attraverso strumenti e canali digital, non perdere il webinar “Digital Export per la Russia: come esportare usando gli strumenti digitali”, mercoledì 25 novembre alle 15, in collaborazione con Intarget.

Iscriviti al webinar

Articoli correlati

    Internazionalizzazione
    29 Ottobre 2020
    Esportatore Autorizzato: slitta al 31 gennaio 2021 il termine per la previdimazione dei certificati EUR1
    Internazionalizzazione Marketing
    16 Febbraio 2021
    Webinar "ALIBABA.COM: vendere online sulla piattaforma leader nel comparto b2b"
    Internazionalizzazione
    28 Gennaio 2021
    Progetto di sviluppo commerciale negli USA “CHICAGO – USA 2021”
    Finanza Internazionalizzazione
    23 Ottobre 2020
    SIMEST - sospensione presentazione domande sul Fondo 394
    Internazionalizzazione
    12 Ottobre 2020
    Bando per la partecipazione a eventi fieristici 2021